facebookmail

uTorrent: programma per generare bit-coin nascosto nell’ultima versione

  • Pubblicato il: 17th marzo 2015
uTorrent:  programma per generare bit-coin nascosto nell’ultima versione

I file torrent sono da sempre uno dei migliori vettori per trasferire documenti, contenuti multimediali, programmi e molto altro. Spesso al loro nome corrisponde però una percezione negativa. Infatti, la maggior parte delle volte, la tecnologia BitTorrent viene utilizzata per smerciare materiale coperto dal diritto d’autore, come film, musica e molto altro. Al centro di un recente scandalo che vede imputato un programma per scaricare file torrent, non c’è una minaccia al copyright, bensì ai nostri computer. Infatti, stando a un rapporti di Trusted Revivews, l’ultima versione del software uTorrent conterrebbe un’applicazione nascosta per la generazione di bit-coin.

uTorrent è uno dei programmi più utilizzati per sfruttare BitTorrent ed è installato su milioni di computer. I bit-coin, invece, rappresentano la nuova frontiera dell’economia virtuale. Si tratta di una moneta digitale che viene generata da specifici programmi. Questi, grazie a complesse procedure di calcolo, riescono a creare un certo numero di bit-coin in un dato periodo di tempo. In gergo, l’operazione per generare questa moneta virtuale è chiamata mining. Quando il PC è impegnato nella creazione di valuta, elabora una grande quantità di dati, dando quindi vita a un potenziale profitto. uTorrent, nascondendo un programma per il mining all’interno dei suoi file di installazione, avrebbe indotto una quantità impressionante di computer a sfornare bit-coin, incanalandoli poi nei profitti di qualche beneficiario anonimo. Non è la prima volta che potenziali malfattori sfruttano programmi di mining installati senza il consenso dell’utente. Più la minaccia si espande e maggiori sono gli introiti dei truffatori che gestiscono così una rete immensa di computer asservita al loro uso e consumo. Sembra  che gli utenti si siano accorti della presenza del software per il mining, analizzando i consumi del proprio PC. Infatti, quando il programma in questione è attivo, il processore risulta oberato di lavoro.

La risposta dei produttori di uTorrent

Secondo la società che produce uTorrent, non ci sarebbe stata alcuna intenzione di mascherare il programma per il mining. Pare invece che la sua installazione avvenga dietro specifico consenso degli utenti, in una delle schermate che precedono l’aggiunta di uTorrent ai programmi presenti nel PC. Come ogni produttore di software, la società madre di uTorrent dichiara di avere partnership con molteplici altre aziende. Queste, a loro volta, forniscono solo programmi opzionali. Per loro dunque, un’applicazione per il mining di bit-coin sarebbe solo un optional.